Installazione di Android su VirtualBox

Installing Android Virtualbox

Se stai sviluppando app mobili, Android può essere un po' una seccatura. Mentre iOS viene fornito con le sue sottigliezze, a condizione che tu stia utilizzando macOS, Android viene fornito solo con Android Studio che è progettato per supportare più di alcune versioni di Android, inclusi i dispositivi indossabili.

Inutile dire che tutti i binari, SDK, framework e debugger inquineranno il tuo filesystem con moltissimi file, log e altri oggetti vari. Un modo efficiente per aggirare questo problema è installare Android sul tuo VirtualBox che elimina uno degli aspetti più lenti dello sviluppo Android: l'emulatore del dispositivo. Puoi utilizzare questa VM per eseguire la tua applicazione di test o semplicemente per giocherellare con gli interni di Android. Quindi, senza ulteriori indugi, iniziamo!



Per iniziare avremo bisogno di avere VirtualBox installato sul nostro sistema, puoi ottenere una copia per Windows, macOS o qualsiasi distro principale di Linux qui . Successivamente avresti bisogno di una copia di Android pensata per essere eseguita su hardware x86, perché è ciò che VirtualBox offrirà a una macchina virtuale una piattaforma x86 o x86_64 (a.k.a AMD64) da eseguire.



Sebbene la maggior parte dei dispositivi Android funzioni su ARM, possiamo aiutare il progetto Android su x86 . Queste brave persone hanno portato Android per l'esecuzione su hardware x86 (sia reale che virtuale) e possiamo ottenere una copia dell'ultima release candidate (Android 7.1) per i nostri scopi. Potresti preferire l'utilizzo di una versione più stabile, ma in tal caso Android 6.0 è il più recente possibile, al momento della stesura di questo documento.



Creazione di VM

Apri VirtualBox e fai clic su Nuovo (angolo in alto a sinistra) e nella finestra Crea macchina virtuale seleziona il tipo come Linux e la versione Linux 2.6 / 3.x /4.x (64 bit) o ​​(32 bit) a seconda se l'ISO che hai scaricato era rispettivamente x86_64 o x86.

La dimensione della RAM può variare da 2 GB a quanto consentito dalle risorse di sistema. Tuttavia, se si desidera emulare i dispositivi del mondo reale, è necessario allocare fino a 6 GB per la memoria e 32 GB per le dimensioni del disco, tipiche dei dispositivi Android.



Al momento della creazione, potresti voler modificare alcune impostazioni aggiuntive, aggiungere un core del processore aggiuntivo e migliorare la memoria del display per i principianti. Per fare ciò, fai clic con il pulsante destro del mouse sulla VM e apri le impostazioni. Nella sezione Impostazioni → Sistema → Processore puoi allocare qualche core in più se il tuo desktop può farlo.

E in Impostazioni → Schermo → Memoria video puoi allocare un pezzo decente di memoria e abilitare l'accelerazione 3D per un'esperienza più reattiva.

Ora siamo pronti per avviare la VM.

Installazione di Android

Avviando la VM per la prima volta, VirtualBox insisterà per fornirle un supporto di avvio. Seleziona l'iso di Android che hai precedentemente scaricato per avviare la macchina con.

Quindi, seleziona l'opzione Installazione se desideri installare Android sulla VM per un uso a lungo termine, altrimenti sentiti libero di accedere al supporto live e giocare con l'ambiente.

Colpire .

Partizionare l'unità

Il partizionamento viene eseguito utilizzando un'interfaccia testuale, il che significa che non otteniamo le sottigliezze di una GUI e dovremo usare il follow attento a ciò che viene mostrato sullo schermo. Ad esempio, nella prima schermata quando non è stata creata alcuna partizione e viene rilevato solo un disco grezzo (virtuale), vedrai quanto segue.

Le lettere C e D rosse indicano che se si preme il tasto C puoi creare o modificare partizioni e D rileverà dispositivi aggiuntivi. Puoi premere D e il supporto live rileverà i dischi collegati, ma questo è facoltativo poiché ha eseguito un controllo durante l'avvio.

colpiamo C e creare partizioni nel disco virtuale. La pagina ufficiale sconsiglia l'utilizzo di GPT, quindi non utilizzeremo tale schema. Seleziona No usando i tasti freccia e premi .

E ora verrai introdotto nell'utility fdisk.

Creeremo solo una singola partizione gigante in modo da mantenere le cose semplici. Usando i tasti freccia vai a Nuovo opzione e premere . Seleziona primario come tipo di partizione e premi per confermare

La dimensione massima sarà già selezionata per te, premi per confermarlo.

Questa partizione è dove risiederà il sistema operativo Android, quindi ovviamente vogliamo che sia avviabile. Quindi seleziona avviabile e premi invio (Boot apparirà nella sezione flag nella tabella sopra) e poi puoi navigare nella sezione Scrivi e premere per scrivere le modifiche nella tabella di partizionamento.

Allora puoi Uscire l'utility di partizionamento e procedere con l'installazione.

Formattazione con Ext4 e installazione di Android

Una nuova partizione arriverà nel Scegli la partizione menu in cui ci trovavamo prima di finire la digressione sul partizionamento. Selezioniamo questa partizione e premiamo ok .

Seleziona ext4 come file system di fatto nel menu successivo. Conferma le modifiche nella finestra successiva selezionando e la formattazione avrà inizio. Quando viene chiesto, dire all'installazione del boot loader GRUB. Allo stesso modo, diciamo per consentire operazioni di lettura-scrittura sul /sistema directory. Ora inizierà l'installazione.

Una volta installato, è possibile riavviare in sicurezza il sistema quando viene richiesto di riavviare. Potrebbe essere necessario spegnere la macchina prima che avvenga il prossimo riavvio, vai su Impostazioni → Archiviazione e rimuovi l'iso di Android se è ancora collegato alla VM.

Rimuovere il supporto e salvare le modifiche prima di avviare la VM.

Android in esecuzione

Nel menu di GRUB otterrai le opzioni per eseguire il sistema operativo in modalità debug o nel modo normale. Facciamo un tour di Android in una VM utilizzando l'opzione predefinita, come mostrato di seguito:

E se tutto funziona correttamente, vedrai questo:

Ora Android utilizza il touch screen come interfaccia al posto del mouse, per quanto riguarda il suo normale utilizzo. Mentre la porta x86 viene fornita con un supporto punta e clicca del mouse, potresti dover usare molto i tasti freccia all'inizio.

Naviga per andiamo e premi invio, se stai usando i tasti freccia, quindi seleziona Imposta come nuovo.

Verificherà gli aggiornamenti e le informazioni sul dispositivo, prima di chiederti di accedere utilizzando un account Google. Puoi saltare questo se lo desideri e passare alla configurazione di Data e ora e successivamente fornire il tuo nome utente al dispositivo.

Verrebbero presentate alcune altre opzioni, simili alle opzioni che vedi quando configuri un nuovo dispositivo Android. Seleziona le opzioni appropriate per la privacy, gli aggiornamenti, ecc. e, naturalmente, i Termini di servizio, che potremmo dover accettare.

Dopodiché, potrebbe chiederti di aggiungere un altro account di posta elettronica o configurare il rilevamento sul corpo poiché si tratta di una macchina virtuale, nessuna delle opzioni è di grande utilità per noi e possiamo fare clic su Tutto impostato

Ti chiederà di selezionare l'app Home dopo, che spetta a te decidere, in quanto è una questione di preferenze e sarai finalmente in un sistema Android virtualizzato.

Potresti trarre grandi vantaggi da un laptop touch screen se desideri eseguire alcuni test intensivi su questa VM, poiché ciò emulerebbe molto da vicino un caso d'uso del mondo reale.

Spero che tu abbia trovato utile questo tutorial nel caso in cui avessi altre richieste simili di cui scrivere, non esitare a contattarci.