Inserisci riga se i valori non esistono già in Postgresl

Insert Row If Values Don T Already Exist Postgresl

Conoscere e manipolare i sistemi di gestione dei database ci ha fatto conoscere le alterazioni dei database. Che in genere comporta la creazione, l'inserimento, l'aggiornamento e l'eliminazione di funzioni applicate su tabelle specifiche. In questo articolo vedremo come vengono gestiti i dati con il metodo di inserimento. Dobbiamo creare una tabella in cui vogliamo l'inserimento. L'istruzione di inserimento viene utilizzata per l'aggiunta di nuovi dati nelle righe delle tabelle. L'istruzione Insert di PostgreSQL copre alcune regole per la corretta esecuzione di una query. Per prima cosa dobbiamo menzionare il nome della tabella seguito dai nomi delle colonne (attributi) dove vogliamo inserire le righe. In secondo luogo, dobbiamo inserire i valori, separati da una virgola dopo la clausola VALUE. Infine, ogni valore deve essere nello stesso ordine in cui viene fornita la sequenza degli elenchi di attributi durante la creazione di una tabella particolare.

Sintassi

>> INSERIRE INNOMETABELLA(colonna1,colonna) VALORI ('valore1', 'valore2');

Qui, una colonna è gli attributi della tabella. La parola chiave VALUE viene utilizzata per inserire i valori. 'Valore' sono i dati delle tabelle da inserire.



Inserimento di funzioni di riga nella shell PostgreSQL (psql)

Dopo aver installato con successo postgresql, inseriremo il nome del database, il numero di porta e la password. Psql verrà avviato. Quindi eseguiremo query rispettivamente.





Esempio 1: utilizzo di INSERT per aggiungere nuovi record alle tabelle
Seguendo la sintassi, creeremo la seguente query. Per inserire una riga nella tabella, creeremo una tabella denominata cliente. La rispettiva tabella contiene 3 colonne. Il tipo di dati di particolari colonne dovrebbe essere menzionato per inserire i dati in quella colonna ed evitare la ridondanza. La query per creare una tabella è:

>> creare tavolocliente(IDint,nome varchar (40), nazionevarchar (40));

Dopo aver creato la tabella, inseriremo ora i dati inserendo manualmente le righe in query separate. In primo luogo, menzioniamo il nome della colonna per mantenere l'accuratezza dei dati in particolari colonne riguardanti gli attributi. E poi, verranno inseriti i valori. I valori sono codificati da virgole singole, in quanto vanno inseriti senza alcuna alterazione.



>> inserire incliente(ID,nome, nazione) valori ('1','Alia', 'Pakistan');

Dopo ogni inserimento riuscito, l'output sarà 0 1, il che significa che viene inserita 1 riga alla volta. Nella query come accennato in precedenza, abbiamo inserito i dati 4 volte. Per visualizzare i risultati, utilizzeremo la seguente query:

>> Selezionare*a partire dalcliente;

Esempio 2: utilizzo dell'istruzione INSERT nell'aggiunta di più righe in una singola query
Lo stesso approccio viene utilizzato nell'inserimento dei dati ma non nell'introduzione di istruzioni di inserimento molte volte. Inseriremo i dati in una volta utilizzando una determinata query; tutti i valori di una riga sono separati da Usando la seguente query, otterremo l'output richiesto

Esempio 3: INSERIRE più righe in una tabella in base ai numeri in un'altra tabella
Questo esempio si riferisce all'inserimento di dati da una tabella all'altra. Consideriamo due tabelle, a e b. La tabella a ha 2 attributi, ovvero nome e classe. Applicando una query CREATE, introdurremo una tabella. Dopo la creazione della tabella, i dati verranno inseriti utilizzando una query di inserimento.

>> creare tavoloa(nome varchar (30),classe varchar (40));
>> Inserire inavalori ('Amna',1),('bhishma','2'),('javed','3'),('Fuori uso',4');

Quattro valori vengono inseriti nella tabella utilizzando la teoria del superamento. Possiamo verificare utilizzando le istruzioni select.

Allo stesso modo, creeremo la tabella b, con attributi di tutti i nomi e soggetti. Le stesse 2 query verranno applicate per inserire e recuperare il record dalla tabella corrispondente.

>> creare tavoloB(tutti i nomi varchar(30), soggetto varchar(70));

Recupera il record selezionando la teoria.

>> Selezionare*a partire dalB;

Per inserire i valori della tabella B nella tabella, utilizzeremo la seguente query. Questa query funzionerà in modo tale che tutti i nomi nella tabella B verrà inserito nella tabella a con il conteggio dei numeri che mostrano il numero di occorrenze di un determinato numero nella rispettiva colonna della tabella B . b.allnames rappresenta la funzione dell'oggetto per specificare la tabella. La funzione Count (b.allnames) funziona per contare l'occorrenza totale. Poiché ogni nome è presente contemporaneamente, la colonna risultante avrà 1 numero.

>> Inserire ina(nome,classe) Selezionareb.allnames, count(b.tutti i nomi) a partire dalBgruppo dib.tutti i nomi;

Esempio 4: INSERIRE i dati nelle righe se non esistono
Questa query viene utilizzata per inserire righe se non è presente. Innanzitutto la query fornita controlla se la riga è già presente o meno. Se esiste già, i dati non vengono aggiunti. E se i dati non sono presenti in una riga, il nuovo inserimento verrà mantenuto. Qui tmp è una variabile temporanea utilizzata per memorizzare i dati per un po' di tempo.

>> inserire inB(tutti i nomi, soggetto) Selezionare*a partire dal (Selezionare'Kinza'cometutti i nomi, 'islamiat'comesoggetto) cometmpdove non esiste ( Selezionaretutti i nomia partire dalBdovetutti i nomi='Sundus'limite 1);

Esempio 5: PostgreSQL Upsert utilizzando l'istruzione INSERT
Questa funzione ha due varietà:

  • Aggiornamento: se si verifica un conflitto, se il record corrisponde ai dati esistenti nella tabella, viene aggiornato con nuovi dati.
  • Se si verifica un conflitto, non fare nulla Nota: se un record corrisponde ai dati esistenti nella tabella, salta il record o se viene rilevato un errore, viene anche ignorato.

Inizialmente, formeremo una tabella con alcuni dati di esempio.

>> CREARE TAVOLOtbl2(IDINT PRIMARIO CHIAVE,Nome CARATTERE VARIABILE);

Dopo aver creato la tabella inseriremo i dati in tbl2 utilizzando la query:

>> INSERIRE INtbl2VALORI (1,'uzma'),(2,'abdul'),(3,'Hamna'),(4,'fatima'),(5,'shiza'),(6,'javeria');

Se si verifica un conflitto, Aggiorna:

>>INSERIRE INtbl2VALORI (8,'Giro') SUCONFLITTO(ID) FARE AGGIORNARE SET Nome=Escluso.Nome;

All'inizio, inseriremo i dati utilizzando la query di conflitto di id 8 e il nome Rida. La stessa query verrà utilizzata dopo lo stesso id; il nome sarà cambiato. Ora noterai come verranno cambiati i nomi sullo stesso ID nella tabella.

>> INSERIRE INtbl2VALORI (8,'Opera') SUCONFLITTO(ID) FARE AGGIORNARE SET Nome =Escluso.Nome;

Abbiamo scoperto che c'era un conflitto sull'id 8, quindi la riga specificata viene aggiornata.

Se si verifica un conflitto, non fare nulla

>> INSERIRE INtbl2VALORI (9,'Hira') SUCONFLITTO(ID) FARE NIENTE;

Utilizzando questa query, viene inserita una nuova riga. Successivamente, utilizzeremo se la stessa query per vedere il conflitto che si è verificato.

>>INSERIRE INtbl2VALORI (9,'Hira') SUCONFLITTO(ID) FARE NIENTE;

Secondo l'immagine sopra, vedrai che dopo l'esecuzione della query INSERT 0 0 non viene inserito alcun dato.

Conclusione

Abbiamo dato un'occhiata al concetto di comprensione dell'inserimento di righe nelle tabelle in cui i dati non sono presenti o l'inserimento non viene completato, se viene trovato un record, per ridurre la ridondanza nelle relazioni del database.