Come scrivere un semplice script Bash

How Write Simple Bash Script

Molti considerano bash una parola indipendente. Tuttavia, pochissime persone sanno che il termine 'bash' in realtà sta per Bourne Again Shell (BASH). Oltre ad essere l'interprete della riga di comando predefinito per il sistema operativo Linux, bash è un linguaggio di programmazione completo. Coloro che amano usare il sistema operativo Linux devono essere ben consapevoli dello scripting bash. Per gli utenti inesperti, tuttavia, questo articolo mostra il processo per scrivere un semplice script Bash in Linux Mint 20.

Scrivere un semplice script Bash in Linux Mint 20

Eseguendo con successo i seguenti passaggi, puoi scrivere un semplice script bash in Linux Mint 20:



Innanzitutto, crea un documento vuoto nella home directory di Linux Mint 20 e assegnagli il nome che preferisci, seguito dall'estensione .sh. Per il nostro scenario, abbiamo chiamato il documento 'Bash.sh', come mostrato nell'immagine seguente:

Quindi, fai doppio clic su questo file per aprirlo. Una volta aperto il file, digita '#!/bin/bash' come prima riga del file. Questa riga viene aggiunta a ogni file bash per indicare che il codice seguente sarà uno script bash. Questa linea è mostrata anche nell'immagine seguente:

Dopo aver aggiunto la riga sopra, scrivi uno script bash per visualizzare un messaggio nel terminale. Per fare ciò, digita semplicemente lo script mostrato nell'immagine qui sotto nel file bash. In questo script, il comando 'echo' viene utilizzato per stampare un semplice messaggio nel terminale. Il messaggio da visualizzare è sempre digitato tra virgolette in bash.

Dopo aver digitato questo script, salva il tuo file bash e poi chiudilo.
Ora, devi eseguire questo script bash. Per fare ciò, dovrai avviare il terminale, come mostrato nell'immagine seguente:

Dopo aver avviato il terminale in Linux Mint 20, esegui lo script bash appena creato con il comando mostrato di seguito:



$bashFile.sh

Qui, devi fornire il nome che hai dato al tuo file bash per sostituire il termine 'File'. Abbiamo sostituito questo nome con il nome 'Bash.sh', cioè con il nome del file bash che abbiamo creato.

Dopo aver eseguito questo comando, l'output del tuo script bash verrà visualizzato nel terminale, come mostrato nell'immagine seguente:

Ora proveremo a rendere il nostro script bash un po' più interattivo. Cioè, proveremo a rendere lo script in grado di ricevere input dall'utente. Per fare ciò, apri il file bash che hai appena creato e digita lo script mostrato nell'immagine seguente al suo interno.

In questo script, vogliamo che l'utente fornisca il suo nome. Una volta che l'utente inserisce il proprio nome tramite terminale, il nome viene memorizzato nella variabile 'name' tramite il comando 'read'. Quindi, vogliamo mostrare un messaggio all'utente mentre ci si rivolge all'utente con il nome che ha inserito. Qui puoi accedere al valore memorizzato nella variabile 'name' anteponendo un simbolo '$'. L'uso del comando 'echo' è già stato spiegato in modo approfondito nello script creato sopra.



Esegui il tuo script bash appena modificato tramite il terminale. A causa della modifica effettuata sopra, il terminale ti chiederà di fornire il tuo nome, come mostrato nell'immagine qui sotto:

Dopo aver fornito il tuo nome e premuto Invio, lo script bash ti mostrerà un messaggio mentre ti rivolgerai a te con il tuo nome, come mostrato nell'immagine seguente:

Ora proveremo a modificare un po' di più il nostro script bash per dimostrarti l'uso del comando 'date'. Questo comando viene semplicemente utilizzato per determinare la data e l'ora correnti. Per ottenere questa funzionalità, digita lo script mostrato nell'immagine qui sotto nel tuo file bash.

L'unica differenza rispetto allo script precedente è che questa volta abbiamo creato una nuova variabile, 'data' e abbiamo assegnato il comando 'data' come valore. Ogni volta che vogliamo memorizzare un comando in una variabile in bash, quel comando è sempre racchiuso tra parentesi e mettiamo un simbolo '$' prima del comando. Dopo aver memorizzato il valore del comando 'date' nella variabile 'date', lo abbiamo semplicemente stampato nel terminale. Dopo aver apportato queste modifiche, salva il file bash e chiudilo.

Esegui di nuovo lo stesso script bash. Questa volta, dopo aver inserito il tuo nome, il terminale ti mostrerà anche la data e l'ora correnti mentre ti rivolgerai a te con il tuo nome, come mostrato nell'immagine seguente:

A volte, potresti non voler visualizzare l'output di uno script bash nel terminale; o meglio, potresti voler salvare l'output in un altro file. Per fare ciò, dovrai modificare ancora una volta lo script bash. Questa volta, devi solo aggiungere il simbolo '>>', seguito dal nome del file in cui dovrebbe essere memorizzato l'output, dopo il comando 'echo' che è stato inizialmente utilizzato per visualizzare l'output sul terminale. Il comando 'echo', seguito dal simbolo '>>' e dal nome del file, viene utilizzato per memorizzare l'output dello script bash nel file invece di visualizzarlo nel terminale. Nel nostro caso, abbiamo chiamato il file di output 'NewBashFile.txt', come puoi verificare nell'immagine mostrata di seguito:

Dopo aver apportato queste modifiche, salva il file e chiudilo. Esegui questo file bash dal terminale. Il terminale ti chiederà di inserire il tuo nome. Dopo aver inserito il proprio nome, non appena si preme il tasto Invio, non sarà più possibile visualizzare alcun output nel terminale, come mostrato nell'immagine seguente:

Ora vai alla tua directory Home. Qui troverai un nuovo file chiamato 'NewBashFile.txt', come evidenziato nell'immagine qui sotto:

Quando fai doppio clic su questo file per avviarlo, sarai in grado di vedere l'output del tuo script bash come contenuto di questo file di testo, come mostrato nell'immagine seguente:

In alternativa, puoi anche eseguire il seguente comando nel tuo terminale per visualizzare il contenuto di questo file di output:

$gattoNuovoBashFile.txt


Quando esegui il comando mostrato sopra, sarai in grado di vedere il contenuto di quel file nel tuo terminale:



Conclusione

I diversi scenari discussi nel metodo mostrato sopra sono sufficienti per fornire un punto di partenza a coloro che desiderano imparare lo scripting bash. Con l'aiuto di questi scenari, siamo riusciti a dimostrare il metodo per acquisire un input, visualizzare l'output, utilizzare i comandi bash e archiviare l'output di uno script in un nuovo file. Tuttavia, la programmazione bash può essere utilizzata anche in modo molto conveniente per altri problemi complessi.