Come estrarre e aprire un file .gz nella riga di comando di Linux

How Extract Open

Sappiamo che un file in un sistema informatico può essere piccolo come pochi Byte o grande come mille Gigabyte. Quando si desidera trasmettere un file da un'estremità all'altra, la sua dimensione gioca un ruolo molto importante nel decidere se si desidera inviarlo così com'è o comprimerlo. Il formato di file .gz è un formato di file compresso molto comunemente usato per il sistema operativo Linux. Oggi esploreremo i metodi per estrarre e aprire un file .gz in Linux.

Nota: la versione di Linux che è stata utilizzata per dimostrare questi metodi è Linux Mint 20.



Metodi per estrarre e aprire un file .gz in Linux Command

Esistono diversi metodi in cui possiamo estrarre e aprire un file .gz in Linux. Abbiamo elencato tutti questi metodi di seguito:



Metodo n. 1: utilizzo del comando gzip con -d Flag:



Questo metodo è utile quando si desidera estrarre il file effettivo durante l'eliminazione del file .gz. Per utilizzare il comando gzip con il flag -d, dovrai eseguire i seguenti passaggi:

Per dimostrare i primi tre metodi, creeremo prima un file .gz nella nostra directory Home eseguendo il seguente comando nel nostro terminale:

$gzipNomeFile.txt

Nel nostro esempio, avevamo già un file di testo chiamato gzFile.txt nella nostra directory Home. Abbiamo deciso di creare il suo file .gz con il comando sopra menzionato.




Una volta eseguito questo comando, puoi visitare la tua directory Home per verificare se un file .gz è stato creato o meno. Il nostro file .gz è evidenziato nell'immagine mostrata di seguito:


Dopo aver creato questo file, proveremo ad estrarlo eseguendo il seguente comando nel nostro terminale:

$gzip–d NomeFile.gz

Qui puoi sostituire FileName con il nome del tuo file .gz, che nel nostro caso era gzFile.txt.


Quando visiterai la tua directory Home dopo aver eseguito questo comando, noterai che il tuo file effettivo è stato estratto come evidenziato nell'immagine mostrata di seguito. Tuttavia, il tuo file .gz è stato rimosso a causa dell'esecuzione del comando sopra menzionato.

Metodo n. 2: utilizzo del comando gzip con il flag -dk:

Questo metodo è utile quando si desidera estrarre il file effettivo mantenendo anche il file .gz per un utilizzo futuro. Per utilizzare il comando gzip con il flag -dk, dovrai eseguire i seguenti passaggi:

Cercheremo di estrarre lo stesso file .gz che abbiamo creato sopra eseguendo il comando mostrato di seguito:

$gzip–dk NomeFile.gz

Qui puoi sostituire FileName con il nome del tuo file .gz, che, nel nostro caso, era gzFile.txt.


Quando visiti la tua directory Home dopo aver eseguito questo comando, noterai che il tuo file effettivo è stato estratto come evidenziato nell'immagine mostrata di seguito. Tuttavia, anche il tuo file .gz è stato mantenuto a causa dell'esecuzione del comando sopra menzionato.


Metodo n. 3: utilizzo del comando gunzip:

Questo metodo è un'esatta alternativa al nostro Metodo n. 1, il che significa che una volta estratto il file effettivo, il file .gz non verrà più conservato. Per utilizzare il comando gunzip per estrarre e aprire un file .gz, dovrai eseguire i seguenti passaggi:

Cercheremo di estrarre lo stesso file .gz che abbiamo creato sopra eseguendo il comando mostrato di seguito:

$gunzipNomeFile.gz

Qui puoi sostituire FileName con il nome del tuo file .gz, che nel nostro caso era gzFile.txt.


Nel nostro caso, poiché avevamo già un file estratto con lo stesso nome nella nostra directory Home a causa dell'esecuzione del comando mostrato nel Metodo #2, il nostro terminale ci ha chiesto se vogliamo sovrascrivere questo file o meno, quindi procediamo inserendo ay come mostrato nell'immagine seguente. Tuttavia, se non hai mai eseguito nessun altro metodo di estrazione sullo stesso file, l'esecuzione di questo comando non visualizzerà alcun messaggio di questo tipo.


Quando visiti la tua directory Home dopo aver eseguito questo comando, noterai che il tuo file effettivo è stato estratto come evidenziato nell'immagine mostrata di seguito. Tuttavia, il tuo file .gz è stato rimosso a causa dell'esecuzione del comando sopra menzionato.


Una volta estratto il file .gz seguendo uno dei tre metodi mostrati sopra, puoi aprirlo semplicemente facendo doppio clic su di esso.

Metodo n. 4: utilizzo del comando tar:

A volte, invece di avere un semplice file .gz, hai un file .tar.gz o .tgz, che può essere estratto e aperto con l'aiuto del comando tar nel seguente modo:

Per dimostrare questo metodo, creeremo prima un file .tgz nella nostra directory Home eseguendo il seguente comando nel nostro terminale:

$catrame–czvf NameOftgzFile.tgz NameOfActualFile.txt

Nel nostro esempio, avevamo già un file di testo chiamato targzFile.txt nella nostra directory Home. Abbiamo deciso di creare il suo file .tgz con il comando sopra menzionato.


Quando esegui questo comando, il nome del tuo file effettivo apparirà sul terminale, il che indicherà che il suo file .tgz è stato creato come mostrato nell'immagine qui sotto:


Una volta eseguito questo comando, puoi anche visitare la tua directory Home per verificare se è stato creato o meno un file .tgz. Il nostro file .tgz è evidenziato nell'immagine mostrata di seguito:


Dopo aver creato questo file, proveremo ad estrarlo eseguendo il seguente comando nel nostro terminale:

$catrame–xf NomeFile.tgz

Qui puoi sostituire FileName con il nome del tuo file .tgz, che nel nostro caso era targzFile.txt.


Quando visiti la tua directory Home dopo aver eseguito questo comando, noterai che il tuo file effettivo è stato estratto come evidenziato nell'immagine mostrata di seguito. Tuttavia, anche il tuo file .tgz è stato mantenuto a causa dell'esecuzione del comando sopra menzionato.


Una volta estratto il file .tgz, puoi aprirlo semplicemente facendo doppio clic su di esso.

Conclusione:

I quattro metodi discussi in questo articolo forniscono ottime soluzioni per estrarre e aprire i file .gz e .tgz in Linux. Puoi scegliere di seguire uno di questi metodi a tuo piacimento.