Regole per i nomi delle variabili Bash: legali e illegali

Bash Variable Name Rules

Una variabile è uno spazio di archiviazione con un nome particolare che contiene un certo valore al suo interno. Potresti aver lavorato con molti linguaggi di programmazione e avere una buona prospettiva delle variabili. Tuttavia, nella programmazione bash, è leggermente diverso. In questa guida, impareremo a conoscere la denominazione delle invariabili delle regole ed eseguiremo alcuni esempi per dichiarare una variabile in una shell bash e osserveremo il suo effetto se è valida o non valida, ad esempio legale o illegale.

Regole legali di denominazione delle variabili in Bash

  • Il nome della variabile deve essere in maiuscolo poiché è considerata una buona pratica negli script bash.
  • Inserisci il simbolo del dollaro $ prima del nome della variabile.
  • Non utilizzare spazi dopo l'inizializzazione del nome della variabile e del suo valore.
  • Il nome di una variabile può avere una/e lettera/e.
  • Il nome di una variabile può contenere numeri, trattini bassi e cifre.

Regole illegali per le variabili del nome in Bash

  • Il nome della variabile con lettere minuscole.
  • Nessun segno di dollaro $ inserito durante la stampa.
  • Aggiunta di spazi dopo l'inizializzazione del nome della variabile e del suo valore.
  • Inizia il nome della variabile con un numero, una cifra o simboli speciali.
  • Il nome della variabile che contiene spazio.
  • Utilizzo di parole chiave per denominare le variabili, ad esempio if, else, for, while, int, float, ecc.

Esempio 01: minuscolo/maiuscolo e simbolo del dollaro

Apri il tuo terminale e crea una variabile con una maiuscola. Stampa questa variabile usando l'istruzione echo, con e senza il simbolo del dollaro. Nota che con il segno $, visualizzerà il valore, altrimenti visualizzerà solo il nome della variabile.





Esempio 02: spazi dopo il nome della variabile e il segno di uguale

Apri il tuo terminale e crea un file bash chiamato variabile.sh usando il comando touch.



Apri questo file dalla Home Directory e scrivi il codice come mostrato di seguito. Puoi vedere che ci sono spazi dopo il nome della variabile e il segno di uguale, che non è corretto. D'altra parte, una variabile non viene stampata senza il simbolo del dollaro nell'istruzione echo.



Nel terminale, esegui il comando bash per eseguire il file variabile.sh. Vedrai che c'è un errore a causa dell'uso non valido delle regole.

Correggiamo lo stesso codice, con il simbolo del dollaro nell'istruzione echo e senza spazi nel nome della variabile. Salvalo e chiudilo.

Di nuovo, eseguendo il file usando il comando bash, puoi vedere che ora abbiamo un output valido.

Puoi anche provarlo in una shell bash. Prendiamo una variabile con spazi prima e dopo il segno di uguale. Verrà visualizzato un errore, come mostrato di seguito:

Quando rimuovi gli spazi prima e dopo il segno di uguale, verrà eseguito correttamente. D'altra parte, in bash, le variabili sono sensibili alla sintassi, quindi assicurati di eseguire la variabile corretta. Come puoi vedere, quando stampiamo la variabile minuscola, visualizzerà il suo valore e, utilizzando la variabile maiuscola, non visualizzerà nulla.

Esempio 03: Spazi in Nome variabile

Prendiamo la variabile ROLL NO con spazi in mezzo. Verrà visualizzato un errore, come mostrato di seguito. Ciò significa che il nome della variabile non può contenere spazi.

Quando rimuovi lo spazio, puoi vedere che funziona correttamente mentre usi l'istruzione echo e visualizza il valore.

Esempio 04: cifre/numeri nel nome variabile

Prendiamo una variabile che inizia con una cifra o un numero. Come osservato, visualizzerà un errore. Ciò significa che il nome della variabile non può avere un numero all'inizio. Quando aggiungi un numero al centro o alla fine della variabile, funzionerà correttamente, come mostrato di seguito. Durante l'utilizzo di un'istruzione echo, verrà visualizzato il valore di un nome di variabile contenente un numero.

Prendi un altro esempio di utilizzo di cifra e numero insieme. Dichiarare una variabile nel file variabile.sh e stamparla nell'istruzione echo.

Il comando bash implica l'esecuzione del codice. Otterremo un errore a causa dell'utilizzo di cifre e numeri all'inizio.

Durante la correzione della variabile, aggiungi la cifra e il numero alla fine e stampalo in un'istruzione echo.

Dopo averlo fatto, funzionerà correttamente e stamperà il valore di una variabile.

Esempio 05: caratteri speciali in nome variabile

Nessuno dei caratteri speciali può essere utilizzato nella denominazione delle variabili, ad esempio asterisco, punto interrogativo, maggiore di, minore di, hash, punti esclamativi, ecc. Prendiamo un asterisco come esempio. Anche se lo mettiamo prima, dopo o nel mezzo del nome di una variabile, causerà una generazione di errori. Ciò significa che nessun carattere speciale può essere utilizzato nel nome della variabile prima, dopo e nel mezzo.

Esempio 06: carattere di sottolineatura nel nome della variabile

Il carattere di sottolineatura può essere utilizzato per denominare le variabili prima, dopo e nel mezzo. Facciamo un esempio. Durante il tentativo prima, dopo e tra il nome di una variabile, causerà una generazione di errori. Ciò significa che nessun carattere speciale può essere utilizzato nel nome della variabile prima, dopo e nel mezzo

Nel file bash, abbiamo dichiarato una variabile con un carattere di sottolineatura tra il nome della variabile. L'istruzione echo è stata utilizzata per stampare la variabile.

Esegui il file bash usando il comando bash. Puoi vedere che il valore è stato stampato correttamente nel terminale.

Esempio 07: concatena variabile con stringa

Facciamo un esempio di concatenazione della variabile con la stringa nell'istruzione echo usando le parentesi graffe. Apri la variabile.sh e scrivici il codice aggiunto. Puoi vedere che abbiamo definito due variabili. C'è una nuova variabile WORK. Nell'istruzione echo, abbiamo una stringa di testo e una variabile WORK all'interno delle parentesi graffe, quindi combinate con il testo ing. Salvalo e chiudilo.

Quando usi il comando bash per eseguire il file variable.sh nella shell dei comandi, possiamo vedere che la variabile e il testo della stringa sono stati concatenati correttamente e viene visualizzato: Il lavoro migliore è Insegnare.

Conclusione

Abbiamo imparato la maggior parte delle regole di denominazione delle variabili per gli script Bash. Si spera che sarai in grado di gestire le variabili di denominazione all'interno delle regole.